Articoli

Anche tu vuoi un “Big Wedding”?

MUSICA PER MATRIMONIO… ALLA GRANDE – Ciao ragazzi, innanzitutto grazie per le continue, tantissime conferme per le ultimissime date libere della stagione :-). Nel (pochissimo) tempo libero ne approfitto per ricordarvi un nuovo film a tema “Wedding”,  in uscita dal 26 giugno: “Big Wedding”, con Robert de Niro. Il titolo di questo film, in particolare, mi da l’occasione di chiedervi se volete davvero un “Grande matrimonio” (ovvero, un “Big Wedding“), anche se avete deciso di avere pochi ma selezionati invitati, o accontentarvi del solito intrattenimento “di maniera”, come quello che si trova in giro…
DJ PER MATRIMONI E REGISTI– Beh, ormai lo sapete, uno degli elementi che fa la differenza tra un “wedding” qualunque e un “Big Wedding” è senza dubbio la musica e l’intrattenimento: non vanno lasciati al caso, e la passione e l’esperienza di chi se ne occupa sono due elementi chiave per la buona riuscita dell’evento. Non basta avere nella valigia dei cd la musica giusta: occorre saperla utilizzare al momento giusto.  Insomma, tornando per un momento alla metafora cinematografica, il DJ per il matrimonio ha una funzione simile a quello di un regista, solo che anziché gestire gli attori del film, deve saper collocare la canzone giusta nel “ruolo” giusto. Non basta avere un “cast” di prim’ordine, come quello che ha avuto a disposizione il regista di “Big Wedding” (Robert De Niro, Diane Keaton, Susan Sarandon, Robin Williams, Ben Barnes…), per fare un buon film, e non basta una ricca collezione di CD o di tracce mp3 per fare un bel matrimonio!
BIG WEDDING: DI COSA PARLA? 
Ma tornando al film che mi ha dato l’occasione di parlare del vostro futuro “Big Wedding”, si tratta della storia di Don e Ellie, una coppia di divorziati costretta a fingere di essere ancora sposata per il matrimonio del loro figlio adottivo Alejandro a causa dell’arrivo della sua madre biologica, molto cattolica. Insomma, un’occasione per una serie di equivoci divertenti contrapposizione tra americani e latini. La critica è piuttosto divisa (non mancano le recensioni negative) ma ci terrei a sapere che ne pensate voi 🙂